• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Instagram

LABIRINTO D'AMORE
 

                                                                                                          Alba

 

 

…e un’alba bianca inonda il mio cuore

gelando il sussurro del suo ultimo addio,

acceca i miei occhi nel pianto assopiti

e ne asciuga la brina.

 

… e un’alba gialla si alza sul mare

gialla come una collana.

Scioglie i suoi petali sulle onde agitate

e rabbrividisce cambiando colore,

impigliata nelle reti delle cianciole,

portata a spasso sulla riva

dalle vesti lunghe di una suora.

 

Il vecchio bagnino setaccia la sabbia,

gli ultimi resti di bivacco notturno

e l’ultima eco di un coro.

 

È un’alba fredda il tuo amore stasera

La luce le strappa i colori

E la pioggia scende in coriandoli

Beccati da mille gabbiani

                                                                                                    anima mia

 

Sento il desiderio che t’inonda, anima mia.

Anima mia, al lungo viaggio ti spinge.

 

E percorri con agile parola

dall’umide labbra sfuggita

la valle dai dolci pendii.

 

E ascendi bianche colline

fino a rossi obelischi

posati su spiazzi di rosa.

 

Sento un desiderio impellente, anima mia.

Anima mia, un desiderio che ti scuote.

 

Scendi nella calda pianura

Fino in centro al pozzo di vita

E varchi il monte della dea

 

che il pomo scelse tra tutte,

per fermarti un attimo a riposare

nel bosco sacro, morbido, profumato.

 

Sento la brama ineluttabile che ti agita.

Anima mia. Credo che ti renda pazzo.

 

E schiudi l’ostrica segreta

di rosa tenero ammantata

e colta la perla clitoridea

 

penetri esitante, esitando

nell’oscura caverna di porpora

tiepida umida profonda.

 

Sento che sei spossata, anima mia.

Adagiati, ti prego, e sogna

 

fino in fondo all’oblio

al viaggio divino che hai fatto

nel dolce paese del suo corpo

                                                                                               come un fulmine

 

Come un fulmine

sei passata nel cielo sereno della mia vita

come un fulmine hai tracciato sul mio cuore

il monogramma infuocato del tuo nome

come l’onda hai accarezzato la spiaggia deserta del mio corpo

per lasciarvi la traccia umida delle tue carezze

come la luna sei passata nell’ombra blu della notte dei miei pensieri

per indicarmi la via sul prato fiorito di nuovi sogni

                                                                                                      la mia casa

 

 

Com’è pulita, profumata la mia casa,

vestita a festa.

Non un grano di polvere,

nessuna brutta macchiolina.

I muri sono bianchi come neve

il rame e l’ottone brillano di mille luci.

 

Com’è pulita, profumata la mia casa,

i cristalli sembrano gocce di rugiada.

Sono finite anche le cose lasciate prima a metà,

sembrano più nuove di prima.

 

Com’è pulita, profumata la mia casa

vestita a festa

Le tende si asciugano appese alle finestre

e sono ancora profumate di bucato.

I marmi sembrano appena fatti

i vetri sembrano assenti.

 

Com’è bella la mia casa.

Eppure non ride

È muta senza i tuoi silenzi

È triste senza i tuoi sorrisi

Risuona solo dei miei passi,

agitati.

                                                                                                   nella soffitta

Nella soffitta della mia testa

volteggiano montagne di polvere

sollevate dal vento del tuo passaggio

E in questa nebbia di pensieri

credo di scorgere la felicità dei miei vent’anni.

 

Alle finestre dei miei occhi

non c’è più luce

né ombre che danzino al chiarore del fuoco interno,

più niente,

le tende sono tirate.

.

Nell’anticamera della mia bocca tappezzata di rosso

trentadue poltrone d’oro e d’avorio

attendono la visita delle tue parole

e l’alito profumato del tuo amore.

Nel caminetto della mia gola

l’angoscia sempre accesa

mette in fuga torrenti di fumo,

fumo di tabacco, fiumi di paura.

 

Nel labirinto del mio ventre

si agitano mille spasimi

di una felicità appena assaggiata.

 

Al balcone del mio corpo

la bandiera è a mezz’asta

in segno di lutto.

 

Nella cantina delle mie pantofole

sonnecchiano due piedi freddi freddi,

 

ma nella cattedrale

nella cattedrale del mio cuore

c’è sempre un cero acceso per te.

                                                                                                   stalattiti

 

Le stalattiti colano dai tetti,

trasparenti come sguardi d’amore

di primi amori.

 

Bianchi i campi, luminosi

come il suo seno, come il suo ventre

dimenticati dal sole d’estate,

bianchi,

macchiati solo dal volo triangolare

delle ali nere del corvo.

 

Cade la foglia,

ultima rimasta,

tagliata nel cielo di piombo

l’ultima arrossata d’autunno,

cade volando sommessa

farfalla morente senza calore.

 

Mille fiocchi di neve volano in cielo:

api pungenti, chiare

come i riflessi della primavera nei suoi occhi di giada

e dolcemente si posano sul tappeto bianco

del cortile

per riposarsi o morire.

 

Le dita nere dei rami

Tesi verso le nuvole

Pregano il sole.

                                                                                                   tanti anni fa

 

Lui entra pian piano nella camera, la luce scura delle braci,

nel camino quasi spento, rischiara appena il letto.

Lei dorme,

dorme con la testa contro il muro, come se il letto fosse troppo corto,

dorme raggomitolata, con i gomiti contro il ventre,

con le mani ripiegate sulle braccia,

chiusa su se stessa come un millepiedi in pericolo.

 

Il suo respiro è cosi dolce, così lento e tranquillo che pare morta,

il suo viso è sereno, liscio, vellutato, senza una ruga, senza una piega.

Le sue labbra, sensuali come quando aveva vent’anni,

disegnano di rosa le ali flessibili del gabbiano in volo,

i suoi occhi hanno chiuso gli scuri delle palpebre,

per guardare, dentro, i sogni quotidiani.

 

Lui sente sorgere in sé un desiderio tenero di possedere tanta dolcezza,

si avvicina lentamente e scivola tra le lenzuola.

Sfiora il corpo caldo, lo sente tutto contro di sé,

respira il profumo dolce della sua pelle, che ha gusto di latte.

Con la mano, ombra leggera tra le ombre,

percorre la curva generosa dei suoi fianchi turgidi,

le cosce affusolate,

con le labbra sfiora i capelli biondi, spolverati dalla cenere del tempo…

 

Ma ecco, Lei si gira.: Tanti anni fa si sarebbe girata verso di Lui.

Tanti anni fa sognava di lui.

Ora si gira dall’altra parte, prigioniera dei suoi sogni,

forse delle sue paure, forse per sfuggire a questa realtà così semplice che è noia

così complessa che è lotta per sopravvivere, per dire, per tacere, per amare

lotta di sé contro le cose, di sé contro gli altri, di sé contro sé.

Forse è solo stanca nel suo corpo, nel suo spirito, nel suo cuore,

stanca.

 

Lui si accascia immobile, chiude gli occhi e sogna,

è stanco, anche Lui.

                                                                                                  Venere liberata

 

 

Occhi di ghiaccio

Testa di fuoco

Seni di giada

Culo di marmo

Notti di veglia

Sogni d’amore

Cuore di pietra

Solo dolore.