• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Instagram

LA LIBIDINE DEI CINQUE SEMI D'ARANCIA
 

                                                                                               balletto notturno

 

 

Udite, udite

il ritmo lento ritmato

ritmico lento iterato

dal tamburo scandito.

Bianchi fantasmi danzanti

con cosce tagliate

fino all’ombelico,

con ventri sbarrati

fino all’ombelico

con gambe squartate

ed occhi infuocati

con seni animati

dal ritmo danzante

dolce ritmato

mai ripetuto.

 

Ballate, danzate

sul ritmo lento ritmato

ritmico lento iterato

bianchi fantasmi danzanti

danze lascive di coito

su ritmi osceni ossessivi

su piedi di giada silenti

su anche ondeggianti graziose

da braccia alate guidati

e da mani parlanti.

 

Danzate, ballate

Bianchi fantasmi di sogno

dal vino sbocciati

 

Dal vino sbocciati

 

Dal vino sbocciati

 

Dal vino sbocciati

 

Dal vino sbocciati

                                                                                              notte di primavera

 

La fredda notte stellata

nascose il groviglio insolente

la rugiada brilla sugli steli inclinati

del prato di ponente.

                                                                                               come un fulmine

 

Come un fulmine

sei passata nel cielo sereno della mia vita

come un fulmine hai tracciato sul mio cuore

il monogramma infuocato del tuo nome

come l’onda hai accarezzato la spiaggia deserta del mio corpo

per lasciarvi la traccia umida delle tue carezze

come la luna sei passata nell’ombra blu della notte dei miei pensieri

per indicarmi la via sul prato fiorito di nuovi sogni

                                                                                               tappeto persiano

 

 

Vorrei essere seduto sul tappeto persiano

e che tu fossi nuda, supina

davanti al camino acceso

con legna profumata di pino fresco.

Vorrei chinarmi su di te e baciare una ad una

le mille efelidi dorate della tua pelle.

Chicchi d’amore posti da un dio sul tuo corpo incantato.

Vorrei rubartele per farne la collana dei miei sogni,

il rosario dei miei desideri.

Vorrei rubartele per seminarle nel vento della passione

sulla terra del senso

finché ne nascano mille tuoi corpi.

Vorrei rubartele perché hanno il colore tostato

dei tuoi capelli

e su di essi infilarli per farne una collana d’amore

lunga come il tempo d’estate

lunga come la via che mi porta da te

per infine ritrovarti.

E dopo avertele rubate vorrei riporle con cura sul tuo corpo

come ponessi stelle in cielo.

Vorrei star lì a guardare questo mio cielo

queste mie stelle per ore intere

finché sorga il sole del tuo sorriso

che faccia tutto scomparire.

Ecco cosa vorrei e fare l’amore con te.

Vorrei che la luce della fiamma illuminasse

i nostri pudori e le nostre audacie .

Vorrei che il calore della fiamma riscaldasse i nostri

corpi spossati ed i sogni voluttuosi del nostro riposo.

Ecco cosa vorrei, ma cento milioni di passi ci separano

Ed anche allungando il braccio non riesco neppure a sfiorarti

                                                                                              temporale d’estate

 

 

Piove a dirotto.

Che bel tempo per fare l’amore in soffitta.

Senti?

Ascolta il ritmo della pioggia sulle tegole,

il ritmo dolce del cuore, del tuo, del mio

ed il vento che scivola sul tetto come le mie mani sul tuo corpo.

 

Piove a dirotto.

Che bel tempo per fare l’amore in soffitta.

Il cielo è nero come nero di fumo

ma l’orizzonte è chiaro come orizzonte d’incendio.

 

Piove a dirotto

I vecchi rami nascosti nell’angolo più abbandonato della cantina

rifiutano la loro decadenza

e ardono la loro anima con fiamma più bella

degli aristocratici ceppi.

 

Piove a dirotto,

Che bel tempo per fare l’amore in soffitta.

Il flauto canta per noi i sogni che non abbiamo mai fatto

e la melanconia ci prende.

 

Piove a dirotto.

Ogni tanto la grandine viene a bussare alla porta,

usciamo per accoglierla ma è già partita,

ha lasciato per ricordo una pioggerella fine fine

che s’infiltra tra gli atomi dei nostri corpi nudi

e penetra in fondo alle ossa,

sembra che ci bagni dal di dentro:

sono lacrime di melanconia.

Ti amo melanconia

strana felicità d’essere triste.

 

Piove a dirotto.

Che bel tempo per sognare di fare l’amore in soffitta.